Rafting BergamoXP

Il Rafting…tutto quello che c’è da sapere!

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Il Rafting…tutto quello che c’è da sapere!

In questo articolo descriviamo una delle nostre attività preferite, nonché una delle più divertenti…il rafting!

Che cos’è il rafting?

Il rafting è una disciplina sportiva nata negli Stati Uniti che prevede la discesa di un fiume su particolari gommoni inaffondabili ed auto-svuotanti, detti appunto Raft. La dimensione ed il numero dei componenti dell’equipaggio di ogni gommone varia dalla portata e dal volume del fiume.  Recentemente hanno preso piede anche speciali raft mono-posto, chiamati pack-rafting.

Al comando del gommone vi è una persona qualificata ed appositamente brevettata chiamata guida, che controlla la direzione del gommone con la propria pagaia ed impartisce gli ordini di manovra all’equipaggio.

La discesa avviene su fiumi che possono variare notevolmente per portata e pendenza e la cui difficoltà è riassunta in una scala di difficoltà crescente che va da I a V.

Il Rafting è uno sport ideale per provare emozioni forti e fare gioco di squadra e sa regalare viste insolite e nuove prospettive del fiume e della natura circostante!

Dove si pratica il rafting in Italia?

In Italia, il rafting viene praticato da Nord a Sud. Ogni regione ha la propria conformazione e clima e questo incide sul tipo di discesa e sulla stagione in cui è possibile praticarlo.

La metà più nota è sicuramente la Val di Sole, in Trentino, sul fiume Noce. Il Noce è un fiume di III-IV grado, che sa regalare emozioni intense agli equipaggi che lo discendono.

É di origine principalmente niveo-glaciale e proprio grazie a questo, la stagione in cui è possibile praticarlo va indicativamente da maggio, periodo in cui ha inizio lo scioglimento delle nevi, fino a fine settembre, quando i primi freddi bloccano lo sciogliersi dei ghiacciai in quota.

Per chi è in cerca delle emozioni più intense, non può farsi scappare una discesa in gommone da rafting sulla Dora Baltea, in Valle D’Aosta.

Anche in questo caso si tratta di un fiume prevalentemente niveo-glaciale, e la stagione in cui è possibile cavalcare le sue onde va da maggio a settembre ma le pendenze e le difficoltà tecniche in questo caso salgono al IV grado, con punte anche di V.

Un altro grande classico del Nord Italia è il fiume Sesia, nell’omonima valle in Piemonte.

In questo caso si tratta di un fiume niveo-pluviale il cui tratto classico percorso è classificato di III (IV) grado; in virtù di questo la sua stagione è più breve rispetto agli altri fiumi precedentemente descritti e le difficoltà meno accentuate.

Il fiume per eccellenza del Veneto è il Brenta, in Val Sugana.

È un fiume alimentato da alcuni bacini lacustri a monte, la cui portata è regolata. Grazie a questo il flusso del fiume è quasi sempre garantita ed è possibile praticare rafting quasi tutto l’anno. Il Brenta è un fiume ampio con poca pendenza le cui difficoltà sono classificabili come di II-III grado.

Scendendo lungo la penisola, per notorietà incontriamo il Nera, in Umbria.

Il tratto percorso dalle discese in gommone è a valle della famosa Cascata delle Marmore, il cui efflusso è rigidamente regolamentato dalle chiuse. Questo garantisce portate e livelli regolari in orari ben precisi per tutto l’anno. Il Nera è un fiume stretto che con il rilascio della cascata viene letteralmente inondato, fornendo così una forte velocità all’acqua. Grazie a questo, con una difficoltà di III-IV grado, il divertimento è sempre assicurato.

Spostandoci al Sud, non si può non citare il fiume Lao, perla della Calabria.

Questo fiume si sviluppa in un contesto naturale d’eccezione, con strette gole. Il suo regime è carsico e quindi garantisce una portata tutto l’anno che, contro-intuitivamente, cresce in inverno. Le sue difficoltà variano molto con la stagione ed il volume d’acqua e vanno dal II-III estivo al III-IV invernale.

Venendo alla nostra regione, la Lombardia, non si può non citare l’Adda, particolarmente famoso nel suo tratto alto, in Valtellina.

Si tratta di un fiume a regime niveo-glaciale, classificabile come di III grado. Non ha forti pendenze ma un grande volume con buona velocità dell’acqua. La stagione va indicativamente da maggio a fine settembre.

Infine, il percorso che proponiamo noi di BergamoXP è un tratto del Fiume Brembo, nella media Val Brembana, che va da San Giovanni Bianco a San Pellegrino Terme, nota località termale e perla liberty della valle. Il Brembo è un fiume a regime niveo-pluviale, classificato con un grado di difficoltà pari a II-III. Per questo motivo, la stagione per poter praticare questa attività è la primavera, quando lo scioglimento delle nevi garantisce la portata necessaria a discenderlo in gommone da rafting. Il Brembo è caratterizzato da rapide con pendenze anche significative e quindi di sicuro divertimento, subito seguite da tratti più tranquilli, in cui è così possibile sperimentare attività con un ancora maggior contatto con il fiume, come tuffi in pozze e tuffi in corrente!

Chi può partecipare?

In generale chiunque può praticare Rafting. Come visto in questo articolo, le difficoltà possono cambiare di molto da fiume a fiume ma come regola generale, non sono mai richieste competenze specifiche e tecniche, ma solo voglia di divertirsi ed un po’ di spirito di avventura ed adattamento!

Cosa serve per fare rafting?

Ovviamente la protagonista indiscussa e necessaria a praticare rafting è l’acqua la cui presenza, come abbiamo visto in questo articolo, varia molto da fiume a fiume e ne condiziona la stagione. Per questo motivo, in generale il maltempo non è quasi mai un ostacolo od un impedimento allo svolgimento dell’attività (salvo che le piogge abbiano gonfiato eccessivamente il fiume fino a renderlo impraticabile).

Per quanto riguarda l’attrezzatura tecnica necessaria, ogni centro rafting mette di solito in dotazione ad ogni membro dell’equipaggio una muta ed i calzari in neoprene ed una giacca d’acqua, per la protezione termica; un caschetto ed un giubbotto di aiuto al galleggiamento ed ovviamente una pagaia. Ai partecipanti viene invece richiesto di portare gli indumenti più intimi: una maglietta sintetica (no assoluto al cotone, che resta bagnato e raffredda il corpo), un costume da bagno, ed un paio di scarpe da ginnastica. Bisogna ricordare che a fare Rafting ci si bagna, sempre!

Perchè BergamoXP

Proponiamo il Rafting sul Brembo da molti anni. Questo fiume è la nostra casa e ne conosciamo ogni sua ansa. Quando non siamo impegnati in discese con i gommoni da rafting, ci trovate sulle acque del Brembo con i nostri kayak. Le nostre guide, tutte brevettate e di esperienza, sono pronte a farti vivere in sicurezza una divertente avventura in fiume!

Per prenotare, consulta direttamente la pagina dedicata a quest’attività sul nostro sito.

CONDIVIDI SU:

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Bergamo, IT

18°C
Clear sky
domenica
67%
05:21
Min: 10°C
993
17:00
Max: 22°C
N 2 m/s
lunedì
23°C
13°C
martedì
21°C
14°C
mercoledì
22°C
14°C
giovedì
22°C
14°C
venerdì
22°C
14°C

Esperienze outdoor per tutti!

Lascia un commento

Articolirecenti

Varese

Gita al Sacro Monte di Varese

Passeggiando tra Fede e Natura In questo itinerario descriviamo il percorso per il famoso Sacro Monte di Varese, sito Patrimonio dell’UNESCO dal 2003. Come suggerisce il

Leggi tutto »
Bergamo

Escursione al Monte Linzone

Balcone sulla Brianza. Quella descritta è una facile escursione al Monte Linzone, sulle Prealpi Orobie ed in particolare in Valle Imagna. Un’uscita che consente di ammirare

Leggi tutto »